Gioielli e arte: elogio del dettaglio

I gioielli sono stati per molti secoli l’unico “accessorio moda” delle donne di cui l’arte è l’unica testimone.

Prima delle borse, prima delle scarpe, l’oggetto del desiderio dell’universo femminile erano i gioielli. Status symbol per eccellenza, emblema di potere delle donne appartenenti all’aristocrazia mondiale. Per secoli unico accessorio feticcio simbolo del lusso e dello sfarzo di epoche in cui re e regine avevano imperi senza fine. Testimone di questa “moda”i ritratti dell’epoca, quando i più grandi pittori del periodo, venivano chiamati nelle varie corti a immortalare i personaggi più influenti e le nobildonne più ricche. Una panoramica, a puntate, dei gioielli del passato complici i capolavori dell’arte mondiale. Partiamo dal Rinascimento. Nel Rinascimento di gran moda  pesanti catene d’oro, anche tra gli uomini, per sottolineare  il loro rango e l’importanza del ruolo che ricoprono, le cui maglie, all’occorrenza,venivano utilizzate come denaro contante. Enrico VIII venne ritratto con una catena dell’eccezionale peso di 3 kg, intarsiata con rubini e perle. Lorenzo Il Magnifico annota nei suoi ricordi quanto fosse onorato di tenere a battesimo i figli di Galeazzo Sforza, Duca di Milano:”Donammo alla duchessa una collana d’oro con un grosso diamante,che costò 3000 ducati,donde ne conseguì di poi che il signore ha voluto che battezzassi tutti gli altri suoi figlioli!”. Le Nobildonne amavano indossare collane di perle, solo naturali, (le perle coltivate vengono “inventate” solo nel 1900) che costano una fortuna. Nei quadri dei pittori dell’epoca quasi tutte indossano un girocollo di perle, che spesso adornano anche i capelli. Rubini, smeraldi e perle decorano gli abiti sfarzosi.  In questa profusione di splendore stranamente gli orecchini sono quasi sempre molto semplici, un sottile cerchietto d’oro con una bella perla appesa, spesso a goccia, così come gli anelli, indossati spesso a metà falange, un modo di portare gli anelli copiato di recente con l’esplosione della “knuckle rings” mania che vede le donne ornarsi di anelli sulla prima o seconda falange delle dita.

Be first to comment